Se non sei ancora registrato al sito Valsir compila il form con i tuoi dati ed ottieni l'accesso gratuito all'area download. Da qui potrai scaricare i nostri listini e la documentazione tecnica, avrai inoltre la possibilità di ricevere la newsletter periodica: il modo migliore per restare aggiornato sulle ultime novità del mondo Valsir.

Hai dimenticato la password?

Valsir S.p.a
Sistemi di scarico
e conduzione,
riscaldamento e
raffrescamento a pavimento e cassette di risciacquo

La filosofia Valsir:
Qualità per l’idraulica

Mantenere un alto livello qualitativo in un mercato sempre più esigente è necessario per poter competere e garantire affidabilità sul prodotto: perno centrale della filosofia aziendale di Valsir è, infatti, la meticolosa attenzione alla qualità, testimoniata dalla certificazione ISO 9001.

Valsir è stata nel febbraio 2001 la prima azienda in Italia nel settore idrotermosanitario e una tra le prime in Europa ad ottenere la certificazione ISO 9001.

Oggi oltre 160 omologazioni di prodotto (dato aggiornato al 15/01/2015) attestano in modo universale la qualità dei prodotti Valsir, un’ulteriore garanzia dell’affidabilità e della sicurezza del prodotto, certificata oltre che dall’azienda, anche da enti terzi preposti, secondo normative internazionali spesso più restrittive rispetto a quelle italiane.

Possedere più di 160 marchi significa, nell’operatività quotidiana, ricevere visite di almeno due giorni, più volte l’anno, da parte di ispettori di ogni ente di certificazione. In pratica la produzione è costantemente monitorata.

Certificato DNV Valsir
Omologazioni Valsir

Laboratori all’avanguardia

 

Per poter mantenere eccellenti standard qualitativi, Valsir si è dotata da anni di laboratori qualità tra i più all’avanguardia nel panorama del mercato idrotermosanitario, costantemente aggiornati con le ultime tecnologie.

 

Ogni singolo componente viene sottoposto a test molto più severi rispetto a quanto richiesto dalle normative. Un esempio: le cassette di risciacquo Valsir superano questi test dopo 600.000 cicli, nonostante la norma ne preveda “soli” 200.000.

 

Durante la produzione vengono prelevati da ogni reparto pezzi a campione che vengono poi sottoposti ai più severi test di laboratorio.